The Era of Natural Gas Smart Meters Has Come. What advantages will it bring?

Natural Gas Smart Meter

If we want the next generations to inherit a world that is still rich in energy sources, we must think at how we are managing such sources today. Natural Gas, a non-renewable, naturally occurring hydrocarbon gas, is one of the energy sources that we all must learn to manage with care, if we want it to last for our children and grandchildren.

The first step to manage a source correctly is to control its consumption rates. Both Gas Companies and end users can reach the objective of controlling Natural Gas consumption rates thanks to a very common object: the residential gas meter. In recent years, the introduction of the so-called “smart” gas meters has given a great help in achieving even better results in consumption monitoring and billing activities.

From a general point of view, we can define a smart meter as an automated, centralized and integrated system that provides electronic measurements of electricity, water and gas consumption through smart sensors and appliances. After collecting the information regarding the user’s consumption rates, the smart meter directly communicates with the utility for monitoring and billing purposes. The word “communicates” means that there is a two-way dialogue between the central system and the meter: this is an advancement over the traditional meter, where there was only a one-directional dialogue from the meter to the central system.

As far as gas metering is concerned, a good example of how the countries are dealing with the management of non-renewable sources is that of Italy. A resolution of the Italian Authority for Electric Energy and Gas (AEEG) has established that within the end of 2018 at least 60% of the residential gas meters installed in Italian homes should be “smart” gas meters. This means that meters will have to be connected to the network and billing should be performed according to real consumption rates.

Entering the world of gas smart metering, we can say that there are two different approaches: the more conservative one is based on traditional mechanical measuring systems to which a smart electronic data elaboration and transmission unit is added. Then we have the most innovative approach, based on digital measurement techniques in combination with smart data elaboration and transmission features. This second category includes one of the most widespread type of gas meter to date, the ultrasonic smart meter.

The introduction of smart meters, and, in particular, of ultrasonic smart meters, will bring many advantages both to the end users and to the gas providers. Let us focus on some characteristics of this type of smart meters and see what the related benefits are.

  • Ultrasonic Smart Meters have no mechanical parts

The fact that there is no mechanical part in ultrasonic smart meters means, first of all, that there is no danger of mechanical faults. Therefore, the lifetime of these meters is longer than that of traditional ones. Furthermore, the mechanical parts of traditional meters are subject to wear and tear and this may affect the quality of their measurement. Having no mechanical parts, ultrasonic meters will not suffer of performance degradation: the quality of their measurement will not be altered over time.

Another advantage brought by the lack of mechanical parts is silent working. Ultrasonic smart meter are definitely quieter than conventional mechanical ones.

The most visible advantage connected to the feature we are analyzing is the fact that ultrasonic smart meter have reduced dimensions and weight. This leads to lower storage and transportation cost.

  • Ultrasonic Smart Meters feature self-diagnostic functions

Smart Meters’ self-diagnostic functions let the end user know when something is wrong in their device (for instance, it can signal a low battery status, an ultrasonic sensor error or a valve leakage). This feature allows the user to intervene immediately in case of default and avoid further negative consequences.

  • Ultrasonic Smart Meters provide precise and real-time measurement

The fact that ultrasonic smart meters deliver up-to-date and real-time data brings advantages both to the gas providers and to the end users. Gas providers can use the data relating to hourly gas consumption to create a “consumer profile” in order to provide their customers with personalized services and deals. On the other hand, the customers can regulate their own gas consumption and save money, enhancing energy efficiency.

In order to summarize the above, we can use the words of an expert in the field of smart metering, Prof. Furio Cascetta (Second University of Naples – Engineering Department), who states that “a smart meter significantly contributes to the modernization of a Country, facilitating the introduction of new electronic measurement technologies and overcoming the technological crystallization that for several decades has characterized the market of the so-called utility meters”.

________________________________________________________________________________________

Se vogliamo che le generazioni future ereditino un mondo ancora ricco di risorse energetiche, dobbiamo pensare a come gestiamo queste risorse oggi. Il gas naturale (un gas non rinnovabile, naturalmente presente in natura) è una delle fonti energetiche che dobbiamo imparare ad utilizzare con cura, affinché i nostri figli e nipoti possano ancora trarne beneficio.

Il primo passo per gestire una risorsa in maniera corretta, è controllarne il consumo. Sia le società del gas sia il consumatore finale possono raggiungere l’obiettivo del controllo dei consumi grazie ad un oggetto molto comune: il contatore domestico. Negli ultimi anni, l’introduzione dei cosiddetti contatori intelligenti o “smart meter” ha dato un grande supporto nell’ottenere risultati sempre migliori nel controllo dei consumi e nelle attività di fatturazione.

Da un punto di vista generale, possiamo definire uno smart meter come un sistema automatizzato, centralizzato ed integrato che misura elettronicamente i consumi di acqua, gas e elettricità attraverso sensori e applicazioni “intelligenti”. Dopo aver raccolto le informazioni relative ai consumi dell’utente, lo smart meter comunica direttamente con la compagnia del gas al fine di monitorare i consumi e di avviare il processo di fatturazione. Il termine “comunicare” sta ad indicare che c’è un dialogo tra il sistema centrale e il contatore: si tratta di un progresso rispetto al meter tradizionale, in cui si verifica solamente un flusso di informazioni a senso unico tra il contatore e il sistema centrale.

Per quanto riguarda la misura del gas, l’Italia è un buon esempio di come i paesi stanno gestendo le risorse non rinnovabili. Una risoluzione dell’Autorità Italiana per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha stabilito che entro la fine del 2018 almeno il 60% dei contatori installati nelle case italiane dovranno essere smart meters. Questo significa che i contatori dovranno essere connessi al network e la fatturazione dovrà avvenire in base ai consumi reali.

Entrando nel mondo del gas naturale, ci sono due diversi approcci: il più tradizionale è basato su sistemi di misurazione meccanica a cui viene aggiunta un’unità elettronica “smart” di trasmissione ed elaborazione dei dati. Il metodo più innovativo è, invece, basato su tecnologie di misurazione digitale combinate a funzioni smart di elaborazione e trasmissione dei dati. Questa seconda categoria include la tipologia attualmente più diffusa di contatori intelligenti, gli smart meter ultrasonici.

L’introduzione dei contatori intelligenti e, in particolare, degli smart meter ultrasonici, porterà molti vantaggi sia ai fornitori di gas sia ai consumatori finali. Ci soffermeremo ora su alcune caratteristiche di questi strumenti, e vedremo quali sono i benefici correlati.

  • Gli smart meter ultrasonici non hanno parti meccaniche

Il fatto che i contatori ultrasonici non abbiano parti meccaniche significa, prima di tutto, che non c’è il rischio di anomalie meccaniche. Perciò la vita utile di questi dispositivi è più lunga di quella dei contatori tradizionali. Inoltre, le parti meccaniche dei contatori tradizionali sono soggette ad usura e deterioramento e questo può influire sulla qualità della loro misura. La mancanza di parti meccaniche, permette quindi agli smart meter ultrasonici di non avere cali nelle prestazioni: la qualità della loro misura non si altera nel tempo.

Un altro vantaggio derivante dall’assenza di parti meccaniche è la silenziosità. Gli smart meter ultrasonici sono senza dubbio più silenziosi dei corrispettivi tradizionali.

Uno dei vantaggi più notevoli associati a questa caratteristica sono però sicuramente le dimensioni e il peso ridotto degli smart meter ultrasonici, che quindi permettono di avere costi più bassi di trasporto e di stoccaggio.

  • Gli smart meter ultrasonici hanno funzioni autodiagnostiche

Le funzioni autodiagnostiche permettono all’utente finale di sapere se si è verificato qualche problema nel dispositivo (ad esempio, possono segnalare un livello basso di batteria, un errore al sensore ultrasonico oppure una perdita). Questa caratteristica permette all’utente di intervenire immediatamente in caso di anomalia, evitando così conseguenze più gravi.

  • Gli smart meter ultrasonici forniscono misurazioni precise e aggiornate

La fornitura di misurazioni aggiornate ed in tempo reale porta vantaggi non solo alle compagnie del gas, ma anche all’utente finale. Se da una parte infatti i fornitori di gas possono utilizzare i dati relativi al consumo orario per creare un “profilo utente” al fine di offrire ai propri clienti offerte e servizi personalizzati, dall’altra i consumatori possono regolare il proprio utilizzo della risorsa e risparmiare, aumentando così l’efficienza energetica.

Infine, per riassumere quanto brevemente esposto in questo articolo, possiamo utilizzare le parole di un esperto nel campo degli smart meter, il prof. Furio Cascetta (Seconda Università di Napoli – Dipartimento di Ingegneria) “Un contatore intelligente contribuisce in modo significativo alla modernizzazione di un Paese, perché facilita l’introduzione di nuove tecnologie elettroniche di misura e il superamento della cristallizzazione tecnologica che per diversi decenni ha caratterizzato il mercato dei cosiddetti contatori”.

2018-09-22T07:57:50+00:00 August 3rd, 2018|Blogs|